RISPARMIO ENERGETICO
    Normativa Europea
    Normativa Italiana
    DECRETO 192 + 311 + Allegati
    Decreti Attuativi 192
    Decreto Legislativo 115/2008
    Regione Veneto
    Pubblica Amministrazione
    Energy Manager
    PRESTAZIONE Energetica (ex Certificazione)
    Tabelle e Utilità
    Strumenti Operativi
    Involucro Edilizio
    Detrazioni Fiscali
    Finanziamenti Fondo Rotativo
    Incentivi 2010 (chiuso)
    Conto Termico 2013
    Controllo Impianti Termici
      Newsletter Manutentori
      FAQ Proprietario
      FAQ Manutentore
      FAQ Provincia
      FAQ Progettista
      Normativa Impianti
      Composizione Impianto
      Manutenzione Impianti
      Tabella Rendimenti
      Qualità dell'aria
      Energy-check
      Abilitazione Conduzione
    Legislazione
    Documenti da scaricare

Impianti Termici, manutenzione e controlli

Fonte: CNRS/LEPII-EPE, RIVM/MNP, ICCS-NTUA, CES-KUL (2003). Metodologie di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra nel processo UNFCCC entro il 2025

PREMESSA

Ogni anno, in Italia, per riscaldare le nostre abitazioni bruciamo una quantità enorme di gas, gasolio, combustibili solidi, soprattutto legna e un po’ di carbone. Così facendo si riversano nell’ aria tonnellate di sostanze inquinanti come ossidi di zolfo e di azoto, monossido di carbonio, ecc…

Oltre alle sostanze propriamente dette inquinanti, si riversano nell’atmosfera anche tonnellate di anidride carbonica (CO2): questa, come è noto, contribuisce al formarsi del così detto “effetto serra” causando l’innalzamento della temperatura media del nostro pianeta.

Secondo numerosi studi a livello internazionale, l'energia consumata all'interno di edifici dell'Unione Europea costituisce il 40% del consumo energetico complessivo, più del consumo dell'industria (28%) e dei trasporti (32%).
In termini economici, il nostro Paese deve spendere enormi somme per l’acquisto all’estero dell’energia.

Si può fare molto per migliorare la situazione, senza sacrifici e senza rinunciare al comfort a cui siamo abituati per avere una casa sicura, calda e confortevole, vivere in un ambiente più pulito, risparmiare energia, pagare meno per il riscaldamento,  indipendentemente dal tipo di impianto installato (individuale o centralizzato), dal combustibile usato (gasolio, metano, G.P.L.)

Una caldaia difettosa e non verificata, oltre che comportare maggiori e inutili consumi di energia, concorre all’inquinamento ambientale e può riservare un serio rischio per la propria vita.

Infatti una caldaia ben mantenuta ha una migliore combustione e comporta:

  • meno inquinamento... in quanto i fumi risultano essere più puliti e meno saturi di polveri sottili (PM10);

  • risparmio energetico... perchè consuma meno;

  • più sicurezza... soprattutto per quelle caldaie che vengono utilizzate saltuariamente (seconde case)

La manutenzione va comunque eseguita in quanto espressamente prevista dalla Legge che stabilisce per coloro che la omettono una sanzione amministrativa.

Per gli impianti che per legge sono soggetti a manutenzione periodica, la Provincia ha il compito di verificarne lo stato di manutenzione.

 

Competenze della Provincia

link al Sito della Provincia di Belluno

 

home page     link esterni     contatti     area riservata     scrivi     stampa la pagina
info@cornaviera.it
0,0605