ACUSTICA AMBIENTALE
    News
    Quadro Normativo
    Limiti di Rumore
    Rilevamento del Rumore
    Tecnico Competente
    Competenze dei Comuni
    Competenze della Provincia
    Legislazione
    Glossario
    Giurisprudenza
    Domande e Risposte
    Acustica architettonica
    Controlli e Sanzioni
    Documenti da scaricare
    Rischi Fisici

 


 

Introduzione 

L'isolamento acustico in edilizia e urbanistica sta assumendo sempre maggiore importanza vista l'esigenza di protezione dalle crescenti fonti di rumore e i danni provocati.
Secondo la legge quadro n. 447 del 26 ottobre 1995 l'inquinamento acustico è l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale da provocare:

  • fastidio o disturbo al riposo ed alle attività umane,
  • pericolo per la salute umana,
  • deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dell'ambiente abitativo o dell'ambiente esterno tale da interferire con le legittime fruizioni degli ambienti stessi.

Un’indagine Eurobarometro sull’ambiente del 1995, riportata nel Libro Verde, definisce il rumore come la quinta fonte di preoccupazione per l’ambiente locale dopo il traffico, l’inquinamento atmosferico, la salvaguardia del paesaggio, la gestione dei rifiuti, ma l’unica per la quale vi è stato un aumento di proteste da parte del pubblico dal 1992.

Altri studi stimano che il 20% circa della popolazione dell’Unione (circa 80 milioni di persone) è esposta a rumori diurni continuati in ambiente esterno, dovuti principalmente al traffico, che superano il livello di 65 dB(A), considerato come un limite di tollerabilità per gli individui; mentre altri 170 milioni (oltre il 40%) sono esposti a livelli di rumore compresi tra 55 e 65 dB(A), considerato quale valore di attenzione per cui si possono manifestare seri disturbi nel periodo diurno.

L’inquinamento acustico è stato trascurato negli anni in quanto giudicato meno importante di altre problematiche ambientali quali l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento delle acque, la gestione dei rifiuti. Inoltre, è stato sempre considerato un problema di natura prettamente locale, nei confronti del quale c’è una diversa sensibilità da paese a paese della Comunità Europea, ma anche da regione a regione d’Italia, in funzione della cultura, delle abitudini di vita, ecc.

Un altro fattore che ha generalmente portato a sottovalutare questo problema è dovuto alla natura degli effetti dell’inquinamento da rumore, che sono poco evidenti, subdoli, non eclatanti, come invece accade per le conseguenze di altre forme di inquinamento ambientale.

Recenti sondaggi confermano che il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità della vita nelle città. In particolare, seppure la tendenza in ambito comunitario negli ultimi 15 anni mostri una diminuzione dei livelli di rumore più alti nelle zone più a rischio, contestualmente si è verificato un ampliamento delle zone con livelli definiti di attenzione, chiamate “zone grigie”, che ha comportato un aumento della popolazione esposta, annullando conseguentemente i benefici ottenuti in quelle aree a maggior inquinamento.
 

 

 inquinamento acustico

suono e vita

   
       

 

home page     link esterni     contatti     area riservata     scrivi     stampa la pagina
info@cornaviera.it
0,1211