RISPARMIO ENERGETICO
    Normativa Europea
    Normativa Italiana
    DECRETO 192 + 311 + Allegati
    Decreti Attuativi 192
    Decreto Legislativo 115/2008
    Regione Veneto
    Pubblica Amministrazione
    Energy Manager
    PRESTAZIONE Energetica (ex Certificazione)
    Tabelle e Utilità
    Strumenti Operativi
    Involucro Edilizio
    Detrazioni Fiscali
    Finanziamenti Fondo Rotativo
    Incentivi 2010 (chiuso)
    Conto Termico 2013
    Controllo Impianti Termici
      Newsletter Manutentori
      FAQ Proprietario
      FAQ Manutentore
      FAQ Provincia
      FAQ Progettista
      Normativa Impianti
      Composizione Impianto
      Manutenzione Impianti
      Tabella Rendimenti
      Qualità dell'aria
      Energy-check
      Abilitazione Conduzione
    Legislazione
    Documenti da scaricare

FAQ Proprietari
Impianti Termici, manutenzione e controlli

Domande e risposte proposte dai Proprietari
Le domande, ma anche contributi e suggerimenti sulle risposte pubblicate, possono essere inoltrate dalla pagina Contatti .
 

Le risposte in grigio sono da verificare
Le domande in rosso sono in attesa di risposta

E' obbligatoria la manutenzione annuale della caldaia murale ai fini della legge?
Alcuni costruttori indicano consigliata la manutenzione annuale.
Quindi se scelgo di non farla (per es. per il poco utilizzo della caldaia stessa), sono soggetto a sanzioni in caso di ispezione?   24.06.10
La Manutenzione Ordinaria della caldaia, in genere una volta all'anno, viene scritta nel libretto di impianto dall'installatore in base alle indicazioni fornite del fabbricante nel libretto d’uso e manutenzione dell’apparecchio.
Altra cosa è il Controllo di Efficienza Energetica di competenza della Provincia, che va fatto con altre cadenze temporali. (1, 2, 4 anni a secondo della potenza e tipo di combustibile)
L'ispettore incaricato dalla Provincia ha quindi la competenza di sanzionare l'assenza di questi ultimi controlli, ma non la mancata
manutenzione ordinaria.
Tuttavia la manutenzione ordinaria  è prevista dalla norma
(vds. Art. 5 DPR 59/09 e Allegato L al D.Lgs 192/05) e il manutentore si attiene ai tempi indicati nel libretto di impianto  >>.  30.06.10
Cos’è il libretto di impianto?
E’ la “carta di identità” dell’impianto: riporta tutti i dati relativi all’installatore, l’utilizzatore, il manutentore o l’eventuale responsabile di gestione ed il tecnico deve di volta in volta trascrivere i dati rilevati per ogni verifica effettuata.
Quando devo compilare o far compilare il libretto d'impianto?
La compilazione iniziale del libretto nel caso di impianti termici di nuova installazione o sottoposti a ristrutturazione, e per impianti termici individuali anche in caso di sostituzione dei generatori di calore, deve essere effettuata all'atto della prima messa in servizio, previo rilevamento dei parametri di combustione, dalla ditta installatrice. Quest’ultima avendo completato i lavori di realizzazione dell'impianto termico, è in grado di verificarne la sicurezza e la funzionalità nel suo complesso, ed è tenuta a rilasciare la dichiarazione di conformità di cui all'art. 9 della legge 5 marzo 1990 n. 46.
Copia della scheda identificativa dell'impianto contenuta nel libretto, firmata dal responsabile dell'esercizio e della manutenzione, dovrà essere inviata alla Provincia per i controlli.
La compilazione iniziale del libretto, previo rilevamento dei parametri di  combustione, per impianti esistenti all'atto dell'entrata in vigore del presente regolamento, nonché la compilazione per le verifiche periodiche previste dal presente regolamento è effettuata dal responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico.
Il libretto di centrale (per impianti con potenzialità superiore a 35 kW) e il libretto di impianto devono essere conservati presso l'edificio o l'unità immobiliare in cui è collocato l'impianto termico.
Cos'è la Dichiarazione di Conformità ?
L'installazione, la manutenzione la ristrutturazione e l'ampliamento degli impianti termici devono essere affidate a ditte o imprese abilitate iscritte alla Camera del commercio o all'albo delle Imprese artigianali.
La Legge 46/90 e succ. - Norme per la sicurezza degli impianti - stabilisce che per gli impianti termici installati dopo il 13 marzo 1990 l'impresa installatrice è tenuta a rilasciare la Dichiarazione di Conformità. Tale documento attesta che l'impianto è stato realizzato nel rispetto delle norme di cui all'art. 7 della stessa legge.
Nel caso non sia stata rilasciata bisogna risalire all'installatore dell'impianto e farsela rilasciare.
Chi è il responsabile dell'esercizio e della manutenzione della caldaia dell'alloggio in cui risiedo?
Il responsabile dell’impianto termico è il proprietario dell’unità immobiliare, oppure l’occupante (se diverso dal proprietario), oppure l’amministratore di condominio nel caso si tratti di impianto centralizzato.
Essi possono delegare per iscritto la responsabilità dell’esercizio e della manutenzione dell’impianto ad un’impresa o ad un tecnico abilitato che assume pertanto il ruolo di “terzo responsabile”.
Quali sono le responsabilità ed i compiti del "Responsabile dell'impianto termico"?
Il responsabile dell'impianto termico deve:
- predisporre il libretto d'impianto
- fare effettuare ad una impresa abilitata, ai sensi della 46/90, le operazioni previste dalla legge. Dopo l'intervento di manutenzione l'impresa deve compilare e consegnare in copia all'utilizzatore il Rapporto di controllo e manutenzione, questa documentazione dovrà essere allegata al libretto d'impianto sul quale dovranno essere trascritti i dati relativi alle manutenzioni ed alle prove fumi effettuate;
- regolare l'impianto in modo che non superi la temperatura media degli ambienti di 22 °C: la responsabilità del superamento di tale limite è imputabile all'occupante.
Il responsabile dell'impianto è soggetto alle sanzioni amministrative previste dal comma 5 dell'art. 34 della legge 9 gennaio 1991, n.10.
Esiste un elenco dei manutentori a cui rivolgermi?
Vedi a fondo pagina l'elenco di manutentori convenzionati con la Provincia di Belluno.
Resta inteso che la manutenzione può essere effettuata anche da manutentori non convenzionati, l’importante è assicurarsi che siano abilitati ai sensi della Legge 46/90. Per tale accertamento è necessario farsi mostrare un certificato con il numero di iscrizione alla Camera di Commercio o all'Albo delle imprese Artigiane.
Il mio scaldacqua è un impianto termico?
NON sono considerati impianti termici e quindi soggetti a quanto previsto dal D.P.R. 412 e s.m.i.: le stufe, i caminetti, gli scaldacqua unifamiliari, i radiatori individuali.
Quali sono le cause per cui si può formare il CO e diffondere nell'ambiente in cui abito?
Sono principalmente tre:
  • se la combustione avviene in un locale insufficientemente areato
  • cattivo funzionamento dello scarico dei fumi
  • malfunzionamento dovuto a scarsa manutenzione dell'impianto stesso.
Cosa è l'Autocertificazione?
È un rapporto tecnico che deve essere inviato alla Provincia (insieme al bollino o alla ricevuta di versamento dello stesso) dal responsabile dell’impianto o dal manutentore convenzionato, con la quale si dichiara di aver eseguito i controlli all’impianto termico.
L’autocertificazione va compilata e inoltrata in concomitanza al controllo dei fumi, non è obbligatoria e costa all’utente euro 5, oltre al costo di manutenzione.
Come presentare l'Autocertificazione

Se il manutentore è convenzionato con la Provincia: il manutentore invia direttamente una copia del modello G o F compilato ed integrato da apposito bollino.
Se il manutentore non è convenzionato con la Provincia:  è compito del responsabile dell'impianto inviare il rapporto tecnico e la ricevuta del versamento del bollino.

Perchè fare l'Autocertificazione

Presentare l’autocertificazione conviene perché la Provincia effettua una serie di ispezioni a campione, eseguite da personale specializzato, sullo stato di manutenzione e controllo degli impianti termici che saranno gratuite per chi avrà inviato l'autocertificazione, con il relativo pagamento del bollino; per che non avrà effettuato l'autocertificazione il costo dell'ispeziona sarà a suo carico.

Quanto costa il bollino
Per qualsiasi impianto fino a 35 kW  costa 5 euro e va fatto ogni 4 anni
Per impianti da 35 KW a 116 kW costa 10 euro e va fatto ogni 2 anni
Per impianti da 116 KW a 350 kW costa 15 euro  e va fatto ogni 2 anni
oltre 350 kW costa  20 euro e va fatto ogni 2 anni
Dove spedire  l'Autocertificazione
Provincia di Belluno
Via S. Andrea, n. 1 - 32100 Belluno
Come effettuare i pagamenti
Conto corrente postale ccp. n. 12104329 intestato a Provincia di Belluno Servizio Tesoreria
oppure Conto di tesoreria della Provincia di Belluno n. 077303 con versamento da effettuarsi presso sportelli Unicredit.
 
 

Elenco manutentori convenzionati e altro materiale sul sito Ufficiale     

 

 

home page     link esterni     contatti     area riservata     scrivi     stampa la pagina
info@cornaviera.it
0,5859