VIGILANZA E SANZIONI
    Procedimento
    Normativa
    Provincia
    Dizionario
    Articoli e Sentenze
      Rifiuto motivato
      Diniego Concessione
      Prescrizioni illegittime
      Doppia conformità
      Decreto Annullamento Sicilia
      Annullamento Precario TAR
      Demolizione recinzione Annullamento
    Domande frequenti
    Misure di salvaguardia
    Diritti di Terzi
    Documenti da scaricare

Ric

Annullamento ordinanza demolizione recinzione

E' bene ricordare che l'ordinanza di demolizione va emessa solo per opere soggette a permesso di costruire. Per le opere soggetta a DIA la sanzione amministrativa da applicare è pecuniaria, conformi o no che siano le opere eseguite.
Nel caso in questione il TAR Veneto, ha annullato l'ordinanza di demolizione, benchè in zona vincolata,   valutando addirittura l'intervento non soggetto ad alcun titolo abilitativo. 


 

Ric. n. 1379/2005                                                       Sent. 2777/05

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, seconda Sezione, con l’intervento dei signori magistrati:

Lorenzo Stevanato                   Presidente f.f.

Elvio Antonelli                         Consigliere, relatore

Fulvio Rocco                            Consigliere

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

 

sul ricorso n. 1379/2005 proposto dalla S.N.C. MANFROI PAVIARREDO di Manfroi Ubaldo & C., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avv.ti Ermes Soppelsa ed Antonio Forza, con elezione di domicilio presso lo studio del secondo in Venezia, S.Marco 4600;

CONTRO

il Comune di Cencenighe Ag.no in persona del Sindaco pro tempore, non costituito in giudizio;

PER

l'annullamento, previa sospensione dell'esecuzione, del provvedimento comunale 7.4.2005 n. 15 di demolizione opere abusive.

Visto il ricorso, notificato il 3.6.2005 e depositato presso la Segreteria il 17.6.2005, con i relativi allegati;

Visti gli atti tutti di causa;

Udito alla camera di consiglio del 29 giugno 2005, convocata a’ sensi dell’art.. 21 della L. 6 dicembre 1971 n. 1034 così come integrato dall’art. 3 della L. 21 luglio 2000 n. 205 - relatore il Consigliere Elvio Antonelli - l’avv. Soppelsa per la parte ricorrente;

Rilevata, a’ sensi dell’art. 26 della L. 6 dicembre 1971 n. 1034 così come integrato dall’art. 9 della L. 21 luglio 2000 n. 205, la completezza del contraddittorio processuale e ritenuto, a scioglimento della riserva espressa al riguardo, di poter decidere la causa con sentenza in forma semplificata;

Richiamato in fatto quanto esposto nel ricorso e dalle parti nei loro scritti difensivi;

considerato

che con riferimento al profilo edilizio le opere sanzionate con il provvedimento impugnato, in ragione della loro natura e consistenza ben possono considerarsi mere opere pertinenziali non necessitanti di titolo edilizio e non soggette all’osservanza delle fasce di rispetto fluviali e stradali;

che con riguardo al profilo ambientale deve ritenersi fondato il 2° motivo sotto il profilo che il Comune non dà contezza delle ragioni per le quali ha ritenuto di irrogare la sanzione ripristinatoria invece che quella pecuniaria a nulla rilevando che l’art. 146 comma 10° lett. C del D. L.vo n. 42/04 non ammette la sanatoria ambientale (e ciò perché l’irrogazione della sanzione pecuniaria non implica la sanatoria ambientale);

Ritenuto di poter compensare integralmente tra le parti le spese e gli onorari del giudizio;

P.Q.M.

il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, seconda sezione, definitivamente pronunciando sul ricorso in premessa, respinta ogni contraria istanza ed eccezione, lo accoglie e, per l’effetto, annulla il provvedimento impugnato.

Compensa integralmente tra le parti le spese e gli onorari del giudizio.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità amministrativa.

Così deciso in Venezia, nella Camera di Consiglio del 29 giugno 2005.

Il Presidente f.f.                                                                      L’Estensore

 

Il Segretario

 

SENTENZA DEPOSITATA IN SEGRETERIA

il……………..…n.………

(Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186)

Il Direttore della Seconda Sezione

 

  

home page     link esterni     contatti     area riservata     scrivi     stampa la pagina
info@cornaviera.it
0,0703