URBANISTICA EDILIZIA
    Edilizia
    Urbanistica
    Beni Culturali e del Paesaggio
    "Piano Casa" del Veneto
    Giurisprudenza
      Varie
      Abusi Sanatorie
      Diritti di terzi
      Accesso
      Annullamento Ordinanza Demolizione
      Responsabile del Procedimento
    Legislazione
    Sicurezza degli impianti
    Semplificazioni Normative
    Documenti da scaricare

Diritti di Terzi

Diritti di Terzi

 

Mancato rispetto dei diritti di terzi
Consiglio di Stato, sez. V, 22 giugno 2000, n. 3525.

 ...non grava sul Comune l'onere probatorio di appurare l'inesistenza di servitù o di altri vincoli reali che incidono, limitandola, sull'attitudine edificatoria dell'immobile. Peraltro, qualora sia acquisita la prova della esistenza di servitù di non edificare (totale o parziale), gravanti sull'immobile oggetto della richiesta di concessione edilizia, l'amministrazione ha l'obbligo di valutare tale elemento ai fini del diniego del provvedimento. Al contrario, in mancanza di adeguati elementi istruttori, ritualmente acquisiti nel corso del procedimento, la concessione edilizia è legittimamente rilasciata, ancorché sia accertata, successivamente, l'esistenza dei vincoli gravanti sulla proprietà del concessionario. Il mancato rispetto di una servitù pattizia preesistente non è di per sé motivo d'illegittimità della concessione edilizia rilasciata per costruire sul fondo servente, in quanto il Comune non è tenuto, in sede di esame delle relative domande di concessione, a ricercare d'ufficio, né ad opporre al richiedente la pattuizioni limitative della proprietà che costui o il suo dante causa abbiano concluso con i terzi, tant'è che la concessione stessa viene rilasciata sempre con la clausola di salvezza dei diritti di questi ultimi.

Sentenza del CdS 3525/2000

 

Attenzione quindi quando si è a conoscenza che un comproprietario è dissenziente:

Sentenza del CdS 1507/2001

home page     link esterni     contatti     area riservata     scrivi     stampa la pagina
info@cornaviera.it
0,1133